Notizie

Sport e adolescenti, come prevenire gli infortuni più frequenti

Ortopedico Bait a genitori: "Analizzare caratteristiche fisiche figli"
Calcio, rugby, pallavolo o nuoto: non c’è uno sport migliore di un altro per gli adolescenti. Conta piuttosto il modo in cui ci si allena, sia per consentire ai ragazzi uno sviluppo armonico nell’età evolutiva, quella in cui si “forma” lo scheletro, sia per evitare dolorosi infortuni. Tra i 12-16enni, gli incidenti sportivi sono aumentati notevolmente rispetto al passato: si va dalle contusioni muscolari alle distorsioni, fino alle fratture.
La causa, molto spesso, va ricercata nei modi e nei tempi con cui lo sport viene praticato. Basti pensare al caso di un ragazzino che pratica il calcio, magari sognando di diventare un giorno come i suoi idoli: deve sostenere tre o quattro sedute di allenamento a settimana, alle quali spesso si aggiungono le partite nel weekend. L’alternanza tra attività sportiva e riposo viene talmente compressa da portare i giovanissimi a finire ‘in riserva’. E la stanchezza, si sa, è alleata degli infortuni.
“Consiglio sempre ai genitori di assecondare le scelte dei bambini per quanto riguarda il tipo di sport da praticare, ma anche di insegnare loro a non esagerare. Suggerisco inoltre di analizzare con obiettività le caratteristiche fisiche del proprio figlio”, spiega Corrado Bait, ortopedico specializzato in traumatologia dello sport. “Chi ha le ginocchia vare o valghe, cioè ad ‘o’ o a ‘x’, chi soffre di scoliosi, anche se lieve, difficilmente diventerà uno sportivo professionista perché queste alterazioni anatomiche condizioneranno sempre la prestazione sportiva. In questi casi, perché sottoporre i più giovani ad impegni pressanti esponendoli alla frustrazione di un obiettivo mancato?”.
Tra i traumi più frequenti, ma anche meno preoccupanti, ci sono le distorsioni alle ginocchia: “Il caso meno grave – prosegue l’ortopedico – è la lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio, che generalmente non si opera e cicatrizza spontaneamente nel giro di 2-3 settimane”. Decisamente più problematica è la lesione del legamento crociato anteriore che, dai 12 anni in su, può portare anche all’intervento. “Quanto alle lesioni meniscali, l’eliminazione del menisco consente un recupero più rapido, in media in 15 giorni, anche se negli adolescenti sono sempre da preferire soluzioni conservative. Suturarlo significa restare fuori gioco per 3-4 mesi, ma consente di non rinunciare al cuscinetto naturale che attutisce ogni colpo”.
Fonte: Askanews.it